Primi attacchi di base contro la cellulite!

18.03.2013 18:25

Care amiche, oggi parliamo della nostra odiatissima e perfida nemica numero 1; quella che rovina la nostra pelle e che ci abbatte l’umore: la cellulite!.

Per molti anni si è pensato che fosse solo legata all’epidermide e al grasso in eccesso ma la realtà è che la cellulite può realmente essere definita come una malattia della pelle e, in particolar modo, dello strato sottocutaneo.

Quando ci accorgiamo, stringendo la pelle tra pollice e indice, di quei buchetti e di quegli avvallamenti vuol dire che il suo percorso è già piuttosto avanzato e che ci dovremo armare di costanza, di pazienza e di tutte le armi a nostra disposizione per contrastarla.

 

Ma perché si formano i buchetti della cellulite?

 

La maggior parte delle volte tutto inizia da una variazione del regolare flusso della circolazione sanguigna e linfatica; la sua alterazione porta un minor apporto di ossigeno e di sostanze benefiche per le cellule sottocutanee e soprattutto a un accumulo di scorie e tossine che, a lungo andare, infiammano e gonfiano le cellule; le fibre di collagene in cui sono contenute iniziano a deformarsi anch’esse facendo fuoriuscire le cellule rigonfiate che vanno a comprimere la pelle esterna e a rendere visibili gli inestetismi della cellulite.

Un buon piano di attacco comprende quindi l’utilizzo di accorgimenti specifici che aiutano la circolazione sanguigna e linfatica, che rinforzano le fibre di collagene e che rendono la pelle esterna più robusta.

 

Ma vediamo subito alcuni di questi accorgimenti:

 

  • L’alimentazione è la base da cui dobbiamo partire: mangiare sano seguendo una dieta varia ed equilibrata ci consente di evitare situazioni di soprappeso che sono un invito a nozze per l’insorgere della cellulite.

  • Il massaggio con le spugne di Lofah preferibilmente a secco: massaggiare la pelle prima con movimenti circolari e poi con movimenti verticali aiuta a migliorare la circolazione contribuendo a rimuovere le tossine e le scorie metaboliche dai tessuti e dagli spazi interstiziali che si trovano nelle fibre di collagene.

Inoltre è ottimo per rafforzare il derma sottostante.

  • Gli ormoni purtroppo non aiutano a diminuire la cellulite: terapie ormonali e pillola anticoncezionale aumentano la capacità degli strati sottocutanei di immagazzinare grassi che vanno a infiammare le cellule.

L’ideale sarebbe optare, per quanto fattibile, per sistemi alternativi o comunque per livelli di estrogeni più bassi possibile..

  • Eliminare cattive abitudini: tenere accavallate le gambe riduce la circolazione e aumenta il gonfiore. Anche sedute cercate di muovervi facendo roteare i piedi e alzandoli sulle punte per poi arrivare a toccare il tallone per terra.

  • L’esercizio fisico: impossibile farne senza; mette in moto la macchina della circolazione sanguigna e la porta ai suoi livello ottimali. Non e’ necessario andare in palestra: tutti sappiamo ormai che basta una passeggiata a passo spedito per ritrovare quella bellissima sensazione di gambe leggere.

Inoltre aumenta la circolazione linfatica, brucia i grassi in eccesso, normalizza il glucosio e migliora il tono muscolare e quello della pelle.

  • Gli impacchi e i bendaggi cutanei: sia in un centro estetico che a casa risultano davvero benefici per la pelle che assorbe principi attivi specifici in grado di stimolare le cellule di grasso a rilasciare il loro contenuto, di assorbire le tossine della pelle e di ridurre il gonfiore e gli edemi.

  • Il massaggio manuale: in particolare quello linfodrenante è d’aiuto per migliorare l’eliminazione delle scorie metaboliche e le tossine dai tessuti interstiziali intorno alle cellule adipose ed è in grado di regalare una pelle dall’aspetto più liscio.

     

Nel prossimo appuntamento scopriremo quali trattamenti interni ed esterni sono efficaci per potenziare gli effetti degli accorgimenti appena elencati.

Sondaggio

Ti e' piaciuto questo articolo? Dagli un voto!

4 (insufficiente) (2)
50%

6 (sufficiente) (1)
25%

8 (buono) (1)
25%

Voti totali: 4

Lascia un commento, grazie!