Scopri gli oli essenziali più adatti al tuo gatto!

11.02.2013 18:53

Come già anticipato nell'articolo precedente oggi vi spiego come gli oli essenziali e gli idrolatri possono essere d'aiuto ai nostri piccoli amici felini.


Ho preferito scrivete un articolo a parte perché per i gatti ci sono delle cautele che sono assolutamente necessarie quando ci decide di utilizzare questo tipo di cura naturale sui nostri amici a quattro zampe; (a tale proposito vi invito pertanto a leggere, se non l'avete ancora fatto, l'articolo in cui spiego il motivo di tanta attenzione che trovate qui.)

Gli idrolatri e gli oli essenziali risultano efficaci per risolvere alcune problematiche dei gatti come nervosismo e agitazione, ma è importantissimo seguire alcune linee guida:

 

  1. come mostrato dal video che trovate nell'articolo precedente (per vedere il video potete cliccare quidovete far scegliere al gatto se e quale olio essenziale vuole: se da segni di resistenza o di insofferenza non dovete usarlo in nessun modo, per intenderci non deve nemmeno essere spruzzato in casa o diffuso nelle stanze con gli appositi diffusori.
     
  2. l'olio essenziale deve essere utilizzato indiluizioni molto elevate: personalmente consiglio 1 sola goccia in 300 ml di acqua da mettere in una ciotola vicino al luogo in cui mangia.
     
  3. sono vietatissimi gli oli essenziali che contengono fenoli: in generale quelli riconosciuti come tossici per i gatti sono Cannella, Chiodi di Garofano, Eucalipto, Tea Tree, Origano, Timo, Pepe e Basilico.
     

Per sapere se il vostro gatto vuole o ha bisogno di un certo olio essenziale o idrolatro fate questa prova: tenete il flacone chiuso in mano ad almeno 6 centimetri di distanza dal naso del vostro micio.

Cercate di essere pazienti e di permettere al gatto di sentire l'odore e di avvicinarsi nel caso l'olio sia di suo gradimento.

Il gatto, inoltre, è in grado di farvi capire, tramite il suo comportamento, anche il grado di interesse che vuole o non vuole manifestare.

In caso di vivo interesse il gatto tenderà ad odorare intensamente l'aria, a leccarsi i baffi o a cercare di leccare la bottiglia, vi seguirà in giro per la casa con l'aroma in mano, rotolerà sulla schiena e si strofinerà contro di voi.

In caso di interesse moderato il gatto tenderà a dare una piccola annusata o una piccola leccata alla bottiglia ma niente di più.

In caso di mancato interesse il gatto se ne andrà dalla stanza e in questo caso ovviamente l'olio non dovrà essere applicato. 

I seguenti oli possono essere adatti per i nostri micetti:

 

  • Rosmarino e Ylang Ylang: per gatti attivi durante la notte.
     
  • Camomilla romana, Rosa e Neroli: per gatti da comportamento geloso.
     
  • Lavanda: per gatti nervosi e agitati.
     
  • Salvia Sclarea: per aiutare i gatti raffreddati.
     
  • Melissa: aiuta il gatto a tranquillizzarsi.
     

Se ti è piaciuto questo articolo lascia il tuo “Mi piace” sulla mia pagina Facebook oppure condividilo con i tuoi amici!


Alla prossima!

Federica