Scopri le "note" degli oli essenziali per creare profumi in casa!

02.03.2013 12:06

Cara amica e caro amico con questo articolo ci addentriamo maggiormente nei primi aspetti operativi su come creare i nostri profumi in casa.

Quando pensiamo ai profumi una delle prima cose a cui mandiamo la nostra mente e' la Francia, indiscussa capitale delle fragranze.

Anche se i francesi non hanno inventato il profumo a loro si deve l'importantissima scoperta di particolari regole di composizione indispensabili per renderlo piacevole e soprattutto duraturo e la conseguente trasformazione di un' arte in una vera e propria scienza.

 

La primaria invenzionedei francesi fu quella di “stratificare” i profumi e le fragranze e di dividerle in 3 particolari categorie che oggi sono definite “note”.

Infatti la creazione dei profumi non avviene mettendo insieme diversi oli essenziali a caso e sperare per il meglio: alcune profumazioni sono più forti e durature di altre e queste possono coprire le profumazioni meno odorose e resistenti; la conseguenza principale di tutto ciò è quella di ottenere una profumo che odora di un solo olio essenziale e che sicuramente ha una durata molto inferiore sulla nostra pelle.

 

Come ho gia'anticipato le note riferite agli oli essenziali sono 3: la nota di testa, la nota di cuoree la nota di fondo:

  • la nota di testa e' il primo odore che si sente quando si spruzza il profumo. Queste note sono quelle che danno la prima impressione e che ci fanno capire subito se il profumo ci piace (non so se sapete la regola che quando si vuole comprare un profumo bisogna spruzzarlo e aspettare fino al giorno dopo per decidere di comprarlo. Il motivo è semplice: se decidiamo di acquistarlo subito lo faremmo solo sulla base della nota di testa che abbiamo percepito al primo spruzzo.....ma, come vi sto per descrivere, il profumo è composto da altre due note che possiamo percepire solo se aspettiamo la loro comparsa!).

    Solitamente gli oli essenziali che fanno parte delle note di testa sono molto freschi e leggeri: ne fanno parte, ad. esempio, il bergamotto, il limone e l'arancio.

  • la nota di cuore si percepisce nel momento in cui la nota di testa scompare. Solitamente sono il fulcro del profumo e caratterizzano tutta la profumazione. La loro durata si aggira sui 15-20 secondi prima di “cedere” il posto alla nota di fondo e sono generalmente molto dolci e più “corposi” rispetto alle note di testa.

    Alcuni oli essenziali che appartengono alle note di cuore sono la lavanda, il geranio, la rosa, l' ylang ylang, il neroli e il gelsomino.

  • La nota di fondo e' l'ultima che si percepisce una volta scomparla la nota di cuore.

    Sono solitamente molto “pesanti” come profumazione e hanno la durata maggiore.

    Alcuni oli essenziali possono essere il sandalo, il patchouli, il legno di cedro, il vetiver e l'incenso.

 

Una buona e corretta miscelazione di queste 3 note fa si che il nostro profumo sia piacevole e duraturo!

Nel prossimo appuntamento parleremo delle percentuali di combinazione di ognuna delle 3 note!